Baracoa, “Prima città di Cuba”

Baracoa è la città più antica dell'isola maggiore delle Antille. La "Primada de Cuba" (chiamata così proprio perché fu la prima città cubana) possiede come testimonianza della sua longevità la "Cruz de Parra" ("croce in legno di vite") lasciata da Cristoforo Colombo, lo scopritore dell'America. La città, presidiata dalla chiesa, è stata ricostruita diverse volte, ma Baracoa non ha perso i suoi tratti distintivi: antica, calma, unica.

Dalla mano dei suoi abitanti giungono fino al presente i sapori di piatti creati generazioni fa. Alchimie impossibili da trovare in altre regioni sono qui naturali: fagioli con latte di cocco, il "bacan" (involtino di carne in foglie di banano), il "tetí" (un pesce minuscolo che vive solo qui)... Secondo le credenze popolari, chi fa un bagno nel fiume Miel (uno dei tanti che confluiscono in questa zona) tornerà sicuramente a Baracoa.

  • Piatti! Tre sono le parole fondamentali: cacao, cocco e banane. Osserva la gente del posto scalare le palme da cocco come se fosse dotata di superpoteri. Ascolta i gruppi musicali della zona suonare Kiribá (la versione locale del son cubano). Assaggia il "cucurucho", dolce buonissimo, artigianale e a base di cocco, ma disponibile in infinite varianti. E assapora le numerose preparazionia base del cioccolato più puro che potrai provare a Cuba.
  • Percorri "La Farola", l'enorme viadotto che unisce Baracoa a Cuba, ed è una delle sette meraviglie dell'ingegneria civile cubana. Non perdere l'occasione di provare i "cucuruchos" di cocco che i venditori offrono lungo la strada.
  • Lì c'è anche il "Yuque" ("Incudine"), chiamato così per la sua particolare forma che fa parte del paesaggio. Ai piedi di questa montagna dovresti sederti per ammirare un tramonto con una canzone di Elio Revé nel tuo iPod (prima chiedi di Changüí), una bottiglia di Habana Club in mano, l'acqua fredda del fiume Duaba che ti accarezza i piedi scalzi, e l'idea che in questo luogo potresti perderti per sempre.

 Un paradiso naturale lontano dalle grandi città, separato dal municipio principale Guantánamo dalla Farola, monumentale opera dell'ingegneria cubana. Anche se si tratta di una strada per autisti provetti, è una delle più utilizzate. Un'altra opzione è la strada Moa-Baracoa, anche se al momento non è consigliabile a causa delle cattive condizioni in cui si trova. Se scegli di venire in aereo, i voli charter interni atterrano più volte alla settimana nell'aeroporto Gustavo Rizo. Se devi prendere un volo internazionale lascia almeno due giorni di sicurezza con il volo interno: in questo modo avrai la possibilità di escogitare un piano B in caso di cancellazioni o ritardi. Ricorda che starai a più di 200 chilometri dagli aeroporti internazionali di Santiago de Cuba e Holguín, e a 990 chilometri dall'Avana.


Baracoa, Qualche ispirazione


Why book with us
  • Your trip, your way
  • Booked and organised in Cuba
  • Our local roots, we live in Cuba
  • 24/7 support by our local hosts

Baracoa Mappa

Prezzo per camera da

Orari di apertura

Orari di apertura
Recapito telefonico